Certificazione-energetica.org


Vai ai contenuti

Certificazioni

La nostra organizzazione è in grado di analizzare lo status degli edifici ed effettuare la relativa certificazione energetica in modo dettagliato, rapido e professionale.

Il processo di certificazione energetica si conclude con la redazione di un "certificato" attestante il consumo energetico dell'edificio rilasciato da un professionista qualificato ed abilitato.

Quando è opportuno dotare il proprio immobile di una certificazione energetica?
(Rif DgR VIII/8745 art. 9)

I casi in cui effettuare una certificazione energetica sono:

  • compravendita di intero edificio mediante unico contratto di compravendita (dal 1° Settembre 2007);
  • compravendita di immobili di superficie maggiore di 1'000mq (dal 1° Settembre 2007);
  • compravendita di singole unità immobiliari (dal 1° Luglio 2009);
  • vendite giudiziali (per provvedimenti pronunciati a decorrere dal 1° Gennaio 2008);
  • locazioni di immobili (dal 1° Luglio 2010);
  • stipula o rinnovo di contratti gestione calore o servizio energia (dal 1° Gennaio 2008);
  • nuove costruzioni (dal 1° Settembre 2007);
  • ristrutturazioni edilizie che coinvolgono più del 25% della superficie disperdente o ampliamenti con incremento di volume di oltre il 20% (permesso di Costruire o Dia successivi al 1° Settembre 2007);
  • per usufruire della detrazione del 55% sul risparmio energetico

La Direttiva Europea 2002/91/CE, conosciuta come EPBD (Energy performance Building Directive) , recepita in Italia a partire dalla legge 10/91 con integrazione dei d.lgs. 192/2005 e d.lgs. 311/06, definisce criteri, condizioni e modalità al fine di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici per:

"favorire lo sviluppo, la valorizzazione e l'integrazione delle fonti rinnovabili e la diversificazione energetica, introducendo, inoltre, una metodologia di calcolo, i requisiti della prestazione energetica per il contenimento dei consumi, nonché le modalità di esercizio e di conduzione degli impianti termici."


Una delle più importanti novità della normativa è la certificazione energetica degli edifici, i cui obiettivi principali sono:

  • definire un indicatore del consumo energetico dell'edificio nell'interesse dell'utente e per collegare il valore dell'edificio nel mercato immobiliare al suo consumo energetico;
  • rendere più trasparenti i rapporti con i fornitori di energia e di servizi energetici;
  • identificare gli edifici che necessitano di interventi di efficienza più approfonditi;
  • fornire elementi per l'implementazione di interventi di risparmio energetico.


La Lombardia è la prima Regione che ha emanato una regolamentazione cogente sulla certificazione energetica degli edifici (rif. Dgr 5018/2007 integrata successivamente dalla Dgr 8745/2008 ,che supera la Dgr.5773/2007, e dalla Dgr 15833/2007) con una procedura di calcolo per la definizione di indicatori di prestazione energetica.


Sul certificato energetico della Regione Lombardia è indicato un valore espresso in "kWh/mq anno" che rappresenta il fabbisogno energetico dell'edificio, in condizioni standard, necessario per il riscaldamento, per la produzione di acqua calda e per il raffrescamento estivo.

Tale valore è riferito a un elenco di classi che partono dalla lettera A+ (casa passiva a consumo zero) e arrivano alla lettera G.
La classe A indica un consumo molto basso, mentre la classe G un consumo molto alto.

L'attestato di certificazione energetica dell'edificio è corredato da suggerimenti in merito agli interventi più significativi ed economicamente convenienti per il miglioramento della predetta prestazione.

Tale certificato sarà allegato agli atti di compravendita e di locazione dell'edificio o di parte di esso, incidendo anche sul valore immobiliare dello stesso.

La certificazione energetica degli edifici è uno strumento strategico-gestionale in grado di migliorare la trasparenza e l'efficienza del mercato immobiliare, fornendo ai potenziali acquirenti e locatari una informazione oggettiva della prestazione energetica dell'immobile.

In un panorama che racchiude la progettazione di nuovi edifici ad elevata prestazione e la ristrutturazione, risulta evidente che la certificazione energetica degli edifici porterà effetti positivi sul valore di mercato degli immobili, incentivando la riqualificazione degli edifici a bassa prestazione energetica.

Pertanto la certificazione energetica rappresenta un passo fondamentale per uno sviluppo
sostenibile, che comporterà diversi benefici per la collettività e per tutti gli "attori" del mercato energetico e immobiliare.


Home Page | Certificazioni | Detrazioni Fiscali | Convenzioni | Preventivi | Normativa | Contatti | Link | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu